tagtop

Partly Cloudy

17°C

Vaglia

Partly Cloudy

Humidity: 69%

Wind: 11.27 km/h

Mugello in Bici: Sulle orme dei grandi ciclisti

Percorso di lunghezza non straordinaria (66,4 chilometri) che però richiede una preparazione di buon livello. Inclusiva di una doppia scalata del Passo della Futa, questa escursione supera i 900 metri di altitudine.

A causa della lunghezza delle salite è consigliabile montare sulla bici rapporti leggeri (39/25).

Il record di questa scalata fu stabilito nel 1995 da Francesco Casagrande: 25’32’’11.

Calcando le orme della famosa gara ciclistica che si svolgeva nel Mugello fino a qualche anno fa (la crono-scalata Barberino-Passo della Futa), questa escursione parte da Barberino di Mugello.

Per la strada verso il Passo della Futa superiamo in sequenza le piccole ma caratteristiche località di San Gavino, Montecarelli, Santa Lucia, Monte di Fo e L’Apparita.

Giunti al Passo della futa possiamo fare una sosta sul lungo muraglione, costruito un tempo per riparare i carri e i viandanti dal vento, e dove spicca la targa rammentante Gastone Nencini, grande ciclista degli anni ‘50/’60. Sulla sinistra la bandiera germanica che ricorda la presenza di uno dei più grandi cimiteri di guerra tedeschi in Italia, testimone degli scontri avvenuti su queste terre.

Dopo la scalata del Passo della Futa proseguiamo in direzione Bologna, percorrendo un notevole tratto di saliscendi.  Passato l’abitato  de Il Covigliaio, svoltiamo in direzione Firenzuola, la città della pietra serena. Raggiunto il fondovalle ci avviamo nuovamente verso il Passo della Futa.

Ritornando a Barberino di Mugello non percorriamo però la stessa strada, svoltando per Panna (dove si trova l’omonima sorgente di acqua).

Questo tratto di saliscendi costeggiato dal bosco caratterizzato dalla pressoché totale assenza di auto ci dirige fino a Galliano, dove proseguiamo verso Barberino passando per la strada che costeggia l’artificiale ma stupendo Lago di Bilancino.